“Se il datore di lavoro, l’imprenditore o chiunque abbia responsabilità datoriali non parla il linguaggio della sicurezza, si spezza inesorabilmente la catena della prevenzione degli infortuni sui luoghi di lavoro.” Dichiara il Presidente della Commissione sicurezza e prevenzione degli infortuni sui luoghi di lavoro, Luigi Abate, all’apertura del Forum Safety Quality Environment 2011, promosso da Unionprofessioni, la confederazione delle professioni dell’area sicurezza, ambiente e qualità.

“E’ necessario – spiega Abate – tastare il polso della conoscenza delle normative vigenti in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro per avere dati certi dai quali partire per poter tarare al meglio strategie e proposte efficaci per arginare il fenomeno degli infortuni,  talora mortali, sul territorio regionale”.

“Ma è anche necessario, in un’ottica di semplificazione normativa per le piccole imprese, che la Comunità Europea ci richiede,  realizzare degli SGS (Sistemi di Gestione della sicurezza) semplificati e di facile attuazione per le imprese di piccola dimensione. Nello stesso tempo è necessario premiare le imprese ‘virtuose’ che investono in sicurezza e tutela dei lavoratori, perché così facendo si incrementa la competitività del nostro tessuto imprenditoriale.”

“Mi farò anche promotore in Consiglio di una mozione che impegni la Giunta affinché all’interno dei consigli di amministrazione delle società partecipate dalla Regione Lazio sia inserito anche un esperto in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro e spero sia condivisa anche da tutti i membri della commissione che presiedo”.

“Devo, inoltre, segnalare, il progetto Pilot4Safety sulla sicurezza stradale, presentato nei giorni scorsi dalla Presidente Polverini, insieme all’Assessore alle Infrastrutture Luca Malcotti. Il progetto-pilota della Regione Lazio vuole riproporre quanto è  già stato attuato per quanto riguarda la rete viaria transeuropea (TEN-T), in recepimento del decreto legislativo 35 del 2011, che ha anche introdotto la figura degli ispettori della sicurezza stradale”.

“Un progetto – conclude Abate – che è in piena linea con la necessità di promuovere nel nostro territorio regionale la ‘cultura’ della sicurezza e della prevenzione, obiettivo strategico che la Commissione che presiedo si è prefissata fin dall’inizio”.

Articolo scritto da:

Se ti è piaciuto l'articolo clicca sul + 1