Sono Giulio Morelli e sono esperto nella valutazione dei rischi per ogni tipo di azienda, il costo è veramente contenuto per una consulenza, richiedi un preventivo gratis al numero verde 800589256 o invia una mail a info@giuliomorelli.com  , esperti della normativa sicurezza sul lavoro decreto legislativo 81 08.

Di seguito riporto alcune buone prassi per la valutazione del rischio e per la riorganizzazione del lavoro per rendere più sicuri i lavoratori, grazie anche ai corsi per la sicurezza sul lavoro effettuati di frequente.

Uno dei principali fattori di rischio per cui è stata attivata la sorveglianza sanitaria periodica per tutto il personale dello stabilimento Italcarni Scarl di Migliarina di Carpi, che svolge l’attività di macellazione e lavorazione carni fresche suine, è rappresentato dalle attività ripetitive con impegno posturale e di forza per l’arto superiore. Per iniziare un programma di prevenzione per le patologie derivate da questo tipo di lavorazione si è considerato come lavoro iniziale l’arto da coltello. Tutte le mansioni svolte dai lavoratori sono state filmate per poterle poi analizzare per la compilazione della CHECK LIST OCRA. Attraverso questa analisi che ha coinvolto più competenze all’interno dell’azienda le mansioni sono state raggruppate per livello di rischio in: elevato, medio e lieve (non sono comprese mansioni con assenza di rischio). Questa analisi ha permesso di avviare all’interno dell’azienda stessa un programma di miglioramento del lavoro basato su interventi strutturali, interventi organizzativi e interventi formativi.

DATI SULL’AZIENDA

Italcarni è un’azienda di macellazione suina con un preventivo di capi macellati che per il 2001 è di oltre 600000. L’orario di lavoro è su base settimanale di 40 ore. L’azienda è composta di 237 dipendenti così distribuiti: 182 macellazione, sezionatura a caldo e lavorazioni a freddo 7 Manutenzione 14 Spedizione 4 ufficio tecnico 8 Logistica 4 Commerciale 18 impiegati di struttura Le 182 unità di macellazione, sezionamento e lavorazione sono così distribuite: 37 appendimento e facchinaggio 7 Carrellisti 4 impiegati alla produzione 8 stalla e avvio alla macellazione 126 da coltello, distribuite nei vari reparti All’interno delle 126 unità da coltello la distribuzione per sesso è la seguente: 18 donne 108 uomini Tutto questo personale è distribuito nei vari reparti, adibito a precise mansioni, sulla base delle specifiche professionalità.

ANALISI DELLA SITUAZIONE

Dopo la macellazione dei suini ogni regione anatomica viene lavorata secondo gli standard imposti dal mercato, ed i lavoratori operano sui singoli tagli derivati dalle carcasse con precise direttive operative. I ritmi di lavoro sono cadenzati dalla catena di macellazione che viaggia a 350 capi ora. Una caratteristica peculiare della lavorazione del suino è l’estrema precisione che l’operatore con il coltello deve avere per rifinire il taglio anatomico. Il coltello deve seguire dei percorsi precisi obbligando gli arti superiori a movimenti ripetitivi che nel tempo possono creare vere e proprie patologie a carico di spalla, gomito e polso. È all’interno di questa problematica che Italcarni si è mossa nel cercare di prevenire queste patologie, sempre più diffuse nel settore della macellazione. A fronte di questa problematica non esistono soluzioni garantite che rispondano sia alle esigenze dei lavoratori di vedere salvaguardata la propria salute, sia alle esigenze economico-produttive aziendali.

METODOLOGIA D’ANALISI

Si è iniziato a mappare l’azienda, coinvolgendo operai e tecnici aziendali, per quanto riguarda le mansioni svolte dai lavoratori, attraverso la CHECK LIST OCRA (procedura breve per l’identificazione del rischio da sovraccarico degli arti superiori da lavoro ripetitivo). Nell’analisi si è preso come riferimento l’arto superiore che impugna il coltello che, per la quasi totalità dei lavoratori è il destro. (98% aziendale). Il passo successivo in futuro sarà quello di prendere in considerazione anche l’arto opposto. I reparti analizzati sono stati: la macellazione, il sezionamento e il reparto di lavorazioni a freddo; all’interno delle postazioni non da coltello si è analizzato il carico e lo scarico dei prosciutti su giostre a ganci fissi.

DATI OTTENUTI

Attraverso l’analisi dei filmati ottenuti nelle singole postazioni e la compilazione della CHECK LIST si è dato un punteggio a tutte le mansioni eseguite dividendole per livello di rischio in: Fascia alta ³ 19 Rischio elevato Fascia media 12 – 18,9 Rischio medio Fascia giallo – rossa 6,1 – 11,9 Rischio lieve Fascia verde e giallo/verde fino a 6 Assenza di rischio Punteggio CHECH LIST ³19 Mansioni che rientrano in questa fascia dei reparti macellazione, sezionamento a caldo e lavorazioni a freddo.Di seguito trovate la mansione e il rispettivo punteggio,

MANSIONE –  PUNTEGGIO CHECK LIST

Appendimento prosciutti in giostra – 32

Segnatura e stacco sugna – 28

Spaccatura bacino – 27

Taglio lombi – 27

Disosso coppe – 26

Stappa palette – 25

Disosso spalle – 25

Lavorazione pelli di zampone – 22

Scopertura e incisione – 21

anchetta Sezionatura lombi 20

Sgrasso spalle 20

Sezionatura coppe 2 19

Sezionatura prosciutto 19

Sezionatura pancette 19

Punteggio CHECH LIST 12 – 18,9

Mansioni che rientrano in questa fascia dei reparti macellazione, sezionamento a caldo e lavorazioni a freddo.

MANSIONE PUNTEGGIO – CHECK LIST

Rifilatura prosciutto 18

Distacco anchetta 18

Sezionatura coppe 1 17

Segnatura palette 17

Strappa pelli di zampone 17

Rifilatura coppe 16

Sezionatura spalla 13

Sega coppa – prosciutto 13

Sgrasso lombi 13 Punteggio

CHECH LIST 6,1 – 11,9

Mansioni che rientrano in questa fascia dei reparti macellazione, sezionamento a caldo e lavorazioni a freddo.

MANSIONE PUNTEGGIO CHECK LIST

Asportazione grana da gola per mortadella 11

Rifinitura gola per mortadella 11

Recupero trito da gola per mortadella (fettina)

11 Recupero trito da gola per mortadella (goccia)

11 Trimming

11 Trito fiocco prosciutto

11 Lavorazione lardi 11

SOLUZIONI ADOTTATE

Già dall’avviamento del macello di Migliarina (agosto 1994) sono state adottate soluzioni che hanno azzerato o ridotto significativamente lo sforzo fisico in certe posizioni di lavoro rispetto ai macelli tradizionali. La valutazione del rischio eseguita per singola mansione è servita per avviare un miglioramento del lavoro con interventi che, a grandi linee si possono così sintetizzare:

A. Interventi strutturali con l’inserimento di macchine e strumenti di lavoro per migliorare gli aspetti legati all’uso della forza e da posture e movimenti incongrui:

· Spaccatrice meccanica, spacca in modo simmetrico il bacino del maiale consentendo la divisione della carcassa in due mezzene. Questa attività eseguita con il coltello presentava un elevato rischio.

· Discensore automatico, è un congegno meccanico che si sostituisce al lavoratore nel posizionare le mezzene sul nastro di sezionatura.

· Taglia zampetti, disarticola l’articolazione tibio–tarsica sostituendosi alla faticosa manualità eseguita con il coltello in passato dagli operatori.

· Robot di carico – scarico prosciutti, si sostituisce ai lavoratori nel carico e scarico dei prosciutti da attrezzatura metallica. Anche qui la macchina si è sostituita completamente ai lavoratori in una delle mansioni forse più faticose dell’intero settore.

· Macchina per il recupero della pelle di zampone, la macchina in automatico carica e scarica la spalla, l’operatore deve solo disarticolare con il coltello l’articolazione del carpo. Da un’attività a rischio elevati si è passati così ad un’attività a rischio medio.

· Leva – scapola, è una attrezzatura pneumatica che si sostituisce completamente all’asportazione dell’osso della spalla prima che questa venga disossata.

· Coltello elettrico. Il suo inserimento al posto di quello comune ha consentito in certe attività, quali la lavorazione dei lardi e la lavorazione delle gole, di abbassare il rischio da elevato a lieve.

B. Interventi organizzativi con l’inserimento di pause e rotazioni su comparti alternativi per migliorare gli aspetti legati all’alta frequenza e ripetitività dei gesti per tempi prolungati ed all’assenza o carenza di adeguati periodi di recupero. I lavoratori Italcarni, attualmente, operano su un turno di 8 ore giornaliere con 3 pause (esclusa quella del pranzo), 2 al mattino e 1 al pomeriggio. L’organizzazione aziendale verrà modificata aumentando le pause per turno dalle attuali 3 a 6 (4 al mattino e 2 al pomeriggio) della durata non inferiore a 7 minuti ciascuna al fine di avere adeguati periodi di recupero in modo particolare per quelle attività ad alta frequenza e ripetitività dei gesti.

L’inserimento di queste pause coinciderà anche con l’introduzione di momenti di recupero circa ogni ora di lavoro. Aumentando le pause si abbassa automaticamente l’indice di esposizione. Alcune mansioni, così operando, si sposteranno dalla fascia a rischio elevato a quella a rischio medio e altre da quest’ultima a quella a rischio lieve. Sempre tenendo conto della professionalità dei lavoratori, l’azienda ha già iniziato a far ruotare i lavoratori esposti a mansioni a rischio elevato su posizioni a rischio lieve all’interno dello stesso turno di lavoro.

C. Interventi formativi che prevedono addestramento dei nuovi assunti e riaddestramento dei vecchi (per far in modo di evitare azioni inutili, di ripartire le azioni tra le due braccia ed eseguire solo le azioni previste per ogni singola mansione). Con il coinvolgimento dei capi reparto e del personale più professionalizzato si sono individuate per ogni mansione, attraverso l’analisi dei filmati, le azioni corrette da eseguire sui diversi tagli anatomici, in modo tale da evitare movimenti inutili per gli arti superiori. All’interno del personale sono stati individuati degli istruttori che hanno il compito di insegnare la tecnica corretta ai nuovi assunti e di riaddestrare il personale già formato che esegue la mansione specifica non attenendosi alla direttiva operativa.

BIBLIOGRAFIA D. Colombini, A. Grieco, E. Occhipinti, a cura di, La medicina del lavoro, volume 87, n. 6; Novembre – Dicembre 1996 D. Colombini, A. Grieco, E. Occhipinti, a cura di, La valutazione e la gestione del rischio da movimenti e sforzi ripetuti degli arti superiori, F. Angeli.

Articolo scritto da:

Se ti è piaciuto l'articolo clicca sul + 1